Venezia:

Regolamento per la pesca dellimpianto di mitilicoltura di Cavallino (Ve)

1. Allinterno dellarea concessa sono contraddistinte, con boe nere, un numero massimo di 68 postazioni. Inserite in un totale di 17 filari. La stessa area contraddistinta dai quattro vertici, costituiti da boe nere relativo pennacchio.

2. Lingresso e luscita dellarea pu avvenire sia da Est, sia da Ovest, purch nel momento dellingresso del corridoio assegnato, non si passi di corridoio, per tutto il tempo giornaliero.

3. Le postazioni sono costituite da boe superficiali di colo nero.

4. Lormeggio consentito unicamente tramite cima assicurata alle boe di color nero, interne al perimetro, con una lunghezza massima di metri cinque e con motore spento.

5. Non previsto lo spostamento ad altra boa, salvo la facolt di ottenere diversa assegnazione, dal responsabile di cui il punto 12.

6. I pescatori sportivi ottengono dalla scrivente, un permesso giornaliero (ricevuta fiscale) con un numero di corridoio, oltre che al giorno di utilizzo, il numero di persone autorizzate, il nome e il numero di iscrizione dellunit, la relativa ricevuta fiscale. Oltre allo scambio di numeri di telefono che saranno usati in caso di necessit.

7. Il permesso non trasferibile ad altra persona.

8. Per motivi di sicurezza, a discrezione esclusiva del personale di servizio di cui al punto 12, in caso di condizioni meteo marine avverse o in peggioramento, visibilit compresa, lattivit di pesca sportiva pu essere sospesa e nel caso verr rilasciato un permesso omaggio da utilizzare entro lanno.

9. Aderendo allacquisto del permesso, il comandante dellunit ammessa, riceve una planimetria dellintera area e in particolare viene indicato il numero di boa/corridoio per lo stazionamento, oltre che alle informazioni del presente regolamento che sottoscrive per accettazione.

10. Le unit non possono essere ammesse con una misura fuori tutto superiore a metri 12 e devono essere a propulsione, le sole unit ammissibili sono da diporto, come definite dal Codice della Nautica da Diporto (D.Lgs. 171/05) e relativo regolamento di attuazione.

11. Lattivit di pesca pu essere esercitata dallalba al tramonto, prevista inoltre la pesca in ore notturne, eventuali periodi di pesca notturna, dovranno essere convalidati da apposita ordinanza da parte della Capitaneria di Porto, Ufficio circondariale Marittimo di Jesolo che ne regoler tempi e modalit. E obbligatorio nella pesca notturna stazionare con luce di fonda.

12. E nominato un responsabile di servizio che controller le varie attivit di pesca sportiva e avr il compito di aiutare di accompagnare dette unit nella concessione, sar munito di numero telefonico dedicato allattivit, lo stesso sar subordinato allattivit di Polizia marittima.

13. E facolt del responsabile di cui al punto 12, chiedere lallontanamento dalla concessione a coloro che non rispettano il presente regolamento.

14. Divieto di gettare a mare qualsiasi oggetto, materiale o liquido,anche se biodegradabile, pena la non partecipazione allattivit e il relativo allontanamento dallarea.

15. E previsto un abbonamento annuale, oltre che al giornaliero. Non prevista laccompagnamento di ospiti o accompagnatori del pescasportivo.

16. Ogni pescatore autorizzato, alla fine della giornata, avr lobbligo di contabilizzare alla scrivente, o ad altra persona autorizzata, mediante e-mail o altro strumento di comunicazione (forum Web, ecc.), il tipo e le quantit pescate, al fine di determinare una statistica a carattere scientifico.

17. Per ogni pescatore prevista una dotazione di un massimo di tre canne, con un massimo di tre ami ciascuna.

18. I pescatori devono attenersi al recente DM 6/12/2010 n. 10988 che obbliga la registrazione presso il Ministero di chiunque eserciti lattivit di pesca sportiva/ricreativa in mare inoltre anche quegli articoli del Capo IV Della Pesca Sportiva del DPR 1639 del 02/10/1968 regolamento per lesecuzione della legge 14/07/1963 n. 963 concernente la disciplina della pesca marittima e in particolare la cattura per un massimo di 5 kg per pescasportivo, salvo esemplare unico.

19. E vietata la vendita.

20. Qualsiasi controversia che dovesse sorgere in relazione al suddetto Regolamento, o che fosse comunque commessa alla partecipazione, sar devoluta in via esclusiva al Foro di Venezia.
21. Responsabilit del concessionario: La societ agricola adriamar sas, declina ogni tipo di responsabilit che dovesse verificarsi allinterno della concessione di danni a cose o a persone durante la sosta, il transito e durante tutta lattivit di pesca.

22. Il presente regolamento, accettato in tutte le sue forme, con la sottoscrizione da ritenersi valido fino ad un nuovo aggiornamento e lo stesso sar sottoscritto per accettazione.

Autorizzazione ai sensi dellart. 13 del D. Lgs. N. 196/2003, assolta alla Societ Agricola Adriamar, il trattamento dei dati personali per le finalit connesse alla partecipazione allevento, alla firma del presente regolamento. Si a conoscenza di poter esercitare i diritti previsti dallart. 7 inoltrando apposita richiesta presso le sedi dei titolari. Si autorizza ai sensi dellart. 13 del D. Lgs. N. 196/2003 la Societ Agricola Adriamar allutilizzo dei dati personali per comunicazioni a fini statistici. Sono a conoscenza di poter esercitare i diritti previsti dallart. 7 inoltrando apposita richiesta presso le sedi dei titolari.

#

#